America, Viaggi

New york

new york skyline top of the rock

Finalmente ci conosciamo!

New York è un po’ nella wish list di tutti, la città dei sogni dove sono ambientati gran parte dei nostri film preferiti.

Chi non ha mai desiderato di potersi teletrasportare attraverso lo schermo?

Io tantissime volte.

Talmente tante che a forza di “prima o poi ci vado” l’avevo un po’ accantonata dandola quasi per scontata. Quest’anno poi, ritrovandoci a scegliere la nostra meta estiva con estremo ritardo, ci siamo imbattuti in un’offerta last minute di Air France proprio per … NEW YORK!

L’entusiasmo è esploso: non ci potevo credere, quello che nella mia testa avevo rimandato a  tra qualche anno sarebbe accaduto tra meno di un mese!

Finalmente sarei andata di persona a conoscere quello che fino ad allora avevo sempre visto attraverso uno schermo.

Noi abbiamo preferito dedicare 9 giorni solo a New York, quindi la pianificazione è stata semplice.

   Procediamo per gradi, dovevamo:


#Primo step: prenotare il volo.

Lo abbiamo fatto a fine Luglio per metà Agosto trovando questo :

  • Andata: 9 Agosto, Milano Linate -Parigi CDG (scalo breve)- New York JFK nel primo pomeriggio.
  • Ritorno: 17 Agosto, JFK volo notturno – Parigi CDG (scalo di 12 ore- “come ottimizzare uno scalo lungo”) – Milano Linate il giorno seguente.

Prezzo: 500€

Compagnia: Air France, prenotato tramite sito Alitalia .

Sicuramente ci sono voli molto più comodi ed economici per arrivare a New York, ma visto che abbiamo prenotato a Luglio per Agosto considerato alta stagione anche se non il periodo migliore per visitarla, non ci è andata per niente male! (“luoghi comuni e pregiudizi”)

#Secondo step: cercare un alloggio a New York.

Gli hotel a Manhattan sono famosi per essere piuttosto cari, il più conveniente come rapporto qualità-prezzo lo abbiamo trovato su Expedia:  Club Quarters Hotel Midtown a 140€ a notte tasse comprese. Ci siamo trovati bene. Le 4 stelle non sono proprio veritiere, ma a noi seriviva una base comoda e pulita ad un prezzo ragionevole quindi non ci è importato molto. La posizione è ottima, vicino a Time Square, Bryant Park, 5th Av. Anche in questo caso sui prezzi vale il discorso fatto per l’aereo, variano in base alla stagione.

In alternativa, se non trovate alloggi a Manhattan che fanno al caso vostro, potete orientarvi sulla più economica, ma anche più distante Long Island o su Brooklyn.

#Terzo step: richiedere l’Esta

Altra cosa importantissima da fare è richiedere l’ Esta (Electronic System for Travel Authorization), un’autorizzazione necessaria per entrare negli USA, sostitutiva del visto per chi si ferma un massimo di 90 giorni a scopo turistico.

Vi consiglio di richiederla per tempo, così se ci fosse qualche problema avrete modo di rimediare. Anche perché senza non vi fanno proprio entrare! La richiesta va fatta compilando un modulo on-line sul sito ufficiale (che vi ho linkato). Il costo è di 14$.

#Quarto step: assicurazione sanitaria

Quando si viaggia negli Stati Uniti  è fondamentale stipulare un’assicurazione sanitaria. Come saprete i costi delle spese mediche sono piuttosto alti e anche una semplice distorsione alla caviglia potrebbe costarvi  cara. On line potete trovare diverse assicurazioni, con prezzi che variano a seconda del tipo di copertura. Io ho scelto la polizza oro di Viaggi Sicuri al prezzo di 80€ per 2 persone. Fortunatamente non ho avuto l’onore di testarla!

#Quinto step: selezionare le cose da vedere

Sicuramente la parte più divertente.

New York è piena di cose da fare e da vedere e, contrariamente a quello che molte persone pensano, 9/10 giorni non sono troppi ma il minimo sindacale per riuscire a farsi un’idea sulle principali. Noi abbiamo organizzato il nostro itinerario in base ai quartieri, cercando di inserire quelli più vicini nello stesso giorno. Si tratta comunque di un’organizzazione molto semplice che può essere adattata giorno per giorno in base alle esigenze.

Qui sotto vi elenco quelli che secondo me sono gli IMPERDIBILI a New York :

1) BROOKLYN:

Dopo aver fatto una passeggiata sulla Brooklyn Heights Promenade, una distesa di verde che permette di avere una visuale molto bella sullo skyline di Manhattan, attraversate il ponte in direzione Brooklyn-Manhattan, sicuramente più suggestivo.

3)STATUA DELLA LIBERTÀ

Abbiamo preso lo Staten Island ferry che collega gratuitamente Manhattan con Staten Island. Parte tutti i giorni a tutte le ore. Una volta arrivati a destinazione bisogna scendere, aspettare 15 minuti ,risalire e tornare indietro. Una valida alternativa al traghetto per Ellis Island che permette di vedere la Lady Liberty abbastanza da vicino.

Statua della Libertà tramonto

3) MIDTOWN:

I luoghi più interessanti sono a poca distanza tra di loro. Fatevi una passeggiata tra:

– Times Square : Centro nevralgico di New York, più grande di quanto mi aspettassi, piena di luci e soprattutto PIENA DI PERSONE! Un continuo via vai. E’ sicuramente la parte più turistica e caotica della città.

– Broadway: la famosa strada dei teatri.

– New York Public Library: la biblioteca che farebbe venire voglia di studiare a chiunque, in particolare nella spettacolare Rose Reading Room.

– Grand Central Terminal: la stazione ferroviaria più grande del mondo, arredata con lussureggianti lampadari decorati in oro. Il soffitto rappresenta una mappa stellare ma con una particolarità: il cielo è a rovescio e le stelle non sono nella posizione giusta perché il dipinto si basa su un antico manoscritto medioevale.

times quare new york by night

Times Square by night.

 

New York Public Library

New York Public Library, Rose reading room.

grand central terminal new york

Grand Central Terminal

 

 

4) MUSEI:

– MoMA: The Museum of Modern Art Sei piani di arte moderna, è uno dei più grandi del Nord America. Il prezzo del biglietto è di 20$, gratuito il venerdì dalle 16 alle 20.

– Metropolitan : noto come “Met“, non serve essere grandi appassionati d’arte per apprezzarlo. L’ingresso è a offerta libera, il prezzo consigliato è di 25$ (12$ per gli studenti) ma ognuno può pagare quello che ritiene giusto.

– 9/11 memorial museum:  Sorge a Ground Zero, a fianco della Freedom Tower. Una commovente documentazione sull’attacco terroristico più crudele che ha colpito l’America. All’esterno si trovano le Reflecting Absence, le due immense vasche che occupano lo spazio delle basi delle Torri Gemelle e dove sopra sono incisi i nomi delle vittime dell’11 Settembre. Gratuito ogni martedì, dalle 17 in poi, con ultimo ingresso 2 ore prima della chiusura, i biglietti sono distribuiti dal museo il giorno stesso a partire dalle ore 16:00. Io non sono riuscita ad andare di martedì quindi ho pagato il prezzo pieno di 24$.

Siamo andati anche all’ American Museum of Naural History, dove hanno girato il film “Una notte al museo”. Anche questo con ingresso a offerta libera. Sinceramente è stato quello che mi è piaciuto meno, se tornassi indietro darei ascolto alla mia fidata Lonely Planet e andrei al Guggenheim.

reflecting absence nine eleven museum

Le Reflecting Absence.

 

oculus one world trade center

Oculus.

 

4) I VILLAGE

-West Village : il quartiere che ho preferito, vicoli pittoreschi dove si respira la vera atmosfera newyorkese.       Non può mancare una visita al condominio di Friends (90 Bedford St) e all’appartamento di Carrie di Sex and The City (66 Perry St). Nelle vicinanze si trova lo Cherry Lane Theatre, il teatro più longevo della città.

appartamento carrie sex and the city

L’appartamento di Carrie Bradshaw.

condominio telefilm friends westvillage

Il condominio di Friends

– East village: la parte punk di New York. Stravagante, colorata e piena di graffiti.

east village new york

Angoli dell’ East Village.

east village terrazzi colorati new york

Terrazzini colorati nell’ East Village.

5) I GRATTACIELI: Camminate con il naso all’insù per ammirare dei veri capolavori architettonici.

Gli edifici simbolo della città:

– Empire State Building: imponente simbolo di New York, la notte viene incorniciato da innumerevoli lucine scintillanti. Vi consiglio di ammirarlo dall’alto del Top of The Rock.

– Flatiron Building: il grattacielo a pianta triangolare che ricorda la prua di una nave. Sicuramente il più particolare.

– Chrysler Building: un edificio di 77 piani che si trova in zona Midtown come l’Empire e il Rockfeller. Spicca per la sua punta con sette archi luccicanti, facilmente distinguibile da varie angolazioni della città.

– Rockefeller Center: un complesso di 19 edifici. Molto suggestivo soprattutto  nel periodo natalizio quando viene allestito il famoso albero di Natale alto 25 metri e la pista di pattinaggio più popolare della città. Inoltre al 70° piano del GE building ospita l’osservatorio del Top of The Rock che vanta una vista a tutto tondo su New York.

– One World Trade Center / Freedom Tower: l’edificio che ha preso simbolicamente il posto delle Torri Gemelle. Si trova a Lower Manhattan ed ha un osservatorio che offre la vista più “vertiginosa” di New York. Il biglietto costa 32$. Noi abbiamo trovato una giornata nuvolosa e non siamo saliti.

Empire State Building

Flatiron Building

chrysler building new york

Il Chrysler Building visto dal Grand Central Terminal.

freedom tower new york

Freedom Tower

6) I PARCHI: New York non è solo cemento, rimarrete sorpresi nel vedere di quanti parchi e giardini ben curati è piena la città.

– Central Park: la sua reputazione è più che meritata. E’ gigante, pieno di scoiattoli (che ho molestato per tutto il tempo) ormai abituati alla presenza umana e di newyorkesi impegnati nelle attività più svariate. Si può visitare a piedi, in barca, in bici e per i più romantici in carrozza.

I punti di maggior interesse : Strawberry Fields, area dedicata a Jhon Lennon con il famoso mosaico che reca la scritta “Imagine” ; Bethesda Terrace con la fontana Angel of Waters Sheep Meadow che sicuramente vi ricorderà lo scenario di moltissimi film; la statua di “Alice nel paese delle meraviglie”; Conservatory Garden; Shakespeare Garden e Turtle Pond.

High Line : Smaltite le prelibatezze del Chelsea Market, variegatissimo mercato gastronomico situato nell’omonimo quartiere, con una passeggiata sull’ex linea ferroviaria trasformata in uno spazio verde sopraelevato. Un’esempio di riqualificazione urbana ben riuscita che è diventata una delle attrazioni principali di New York.

– Bryant Park: un piccolo e grazioso parco che si trova proprio dietro la Public Library dove le sere d’estate vengono proiettati film all’aperto.

– Madison Square Park: Situato in una posizione molto interessante perché vicino al Flatiron Building che è uno degli edifici più belli di New York. All’interno troverete anche Shake Shack, un fast food molto diffuso a Nyc. Potrete mangiare immersi nel verde e in compagnia di simpatici scoiattoli.

– Washington Square Park: Uno dei parchi più conosciuti che si trova nel cuore del Greenwich Village, famoso soprattutto per  attività culturali e artistiche. Pieno di musicisti, giocatori di scacchi abituali e artisti.

barchette di central park tutto verde

high line new york

High Line

bryant park new york

Vista dal Bryant Park.

Angoli di pace allo Washington Square Park

7) SOHO: 

Un vero paradiso per gli amanti della moda, qui troverete negozi di ogni tipo. Confina con Little Italy, Chinatown e Nolita. I più golosi non possono perdere una sosta da Eileen’s Speciel Cheescake, uno dei migliori della città.

soho new yorh

Soho.

8) FINANCIAL DISTRICT:

Il quartiere della borsa dove si trovano i nuovi simboli della città come il One World Trade Center e il 9/11 museum, ma al tempo stesso alcuni dei luoghi più ricchi di storia. Particolarmente rilevanti, oltre alla celebre Wall Street, sono la Federal Hall – dove George Washington venne inaugurato primo Presidente degli Stati Uniti-  e la Fraunces Tavern Museum, un museo-taverna dove lo stesso tenne un famoso discorso di addio agli ufficiali dell’esercito continentale. Da vedere nella zona anhe la Trinity Church e il Charging Bull.

Vista dallo Staten Island Ferry

In conclusione questi sono quelli che, a mio parere, sono gli aspetti più caratteristici della città per chi la visita la prima volta. Le cose interessanti a New York sarebbero talmente tante che risulterebbe difficile racchiuderle in poche righe.

New York ha una personalità eclettica ma decisa allo stesso tempo, si percepisce in ognuno dei suoi quartieri.

E’ sempre la stessa ma non si ripete mai.

 

 

 

 

 

You may also like